#SdR22: Valore D e Assogestioni presentano la ricerca su inclusione e diversity nelle SGR

Inclusione e diversity nel mondo delle società del risparmio gestito sono state al centro della prima giornata della 12esima edizione del Salone del Risparmio, nel corso del quale Valore D ha presentato uno studio che fotografa gli impegni in materia di diversità e inclusione assunti dalle SGR.

Valore D ha chiamato numerose SGR a compilare l’Inclusion Impact Index ®, uno strumento diagnostico digitale innovativo, sviluppato in partnership con il Politecnico di Milano, che misura l’impatto organizzativo in quattro macro aree: la governance, la capacità di attrarre, sviluppare e valorizzare nel tempo i talenti al femminile.

I risultati sono stati commentati nel corso di una tavola rotonda con l’obiettivo di esaminare il livello di inclusione del settore e disegnare una roadmap che porterà ad un crescente impegno delle SGR su questo fronte.

 

“Ora è molto importante passare dall’impegno programmatico alla realizzazione e al monitoraggio, scoprendo le aree di forza e di miglioramento della propria azienda e confrontandosi con le aziende dello stesso settore o della stessa dimensione”

ha commentato Ulrike Sauerwald, responsabile del Centro Studi Valore D.

[wds id=”26″]

 

Dalla ricerca emerge che la presenza di donne sul totale della popolazione aziendale delle SGR è piuttosto bilanciata (48% vs 52% di uomini), anche se collocata principalmente a livello impiegatizio, con percentuali in calo per quadri e dirigenti. Le donne che siedono nei CdA sono il 26,8% – una media superiore a quella dei comparti bancario al 26,2% e assicurativo al 18% – e quelle che occupano ruoli nella prima linea organizzativa il 17,7%.

Sebbene queste percentuali siano in progressivo aumento, il vero segnale di conferma dello sforzo intrapreso dalle SGR si legge nei dati sulle assunzioni, piuttosto bilanciate tra uomini (54,5%) e donne (45,5%). Ma soprattutto, nella fascia 18-29 anni dei nuovi impiegati, il 54,7% è donna contro il 45,3% degli uomini.

A tendere, quindi, diverranno ancora più rilevanti le pratiche di gestione del work-life balance, riduzione del gender pay gap, ma anche di trattenimento dei talenti e formazione interna. Ad oggi, infatti, solo il 37% delle donne partecipa ai programmi di sviluppo per talenti e i piani di successione della prima linea organizzativa sono generalmente poco diffusi.

 

Per conoscere meglio l’Inclusion Impact Index ®

[vc_vd_bottone txt_bottone=”clicca qui” link_bottone=”url:https%3A%2F%2Fvalored.it%2Fi-progetti%2Finclusion-impact-index%2F||target:_blank|” classe_bottone_stile=”” classe_bottone_allineamento=” pull-left” size_bottone=””]

Articoli correlati

2022/05/generation-mix-scaled.jpg
2022/01/Certificazione-WWI.png
2021/11/EDGE-partnership.png
2021/10/legge-pay-gap.jpg
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.