G20 Empower: così i potenti del mondo misureranno la parità di genere nell’economia

Linkiesta
19/05/2021
Lidia Baratta

Paola Mascaro presiede l’alleanza del G20 tra imprese e istituzioni pubbliche di 28 Paesi per promuovere la leadership femminile. «Lo scopo finale è creare un Osservatorio che permetta di misurare poi il raggiungimento degli obiettivi che ci porremo», spiega. A luglio sarà presentato un dossier di raccomandazioni e impegni.

Pochi lo sanno. Ma in parallelo al G20 presieduto dall’Italia, quest’anno si tiene anche il G20 Empower, l’alleanza per la promozione della rappresentanza delle donne nell’economia. L’unica entità che riunisce insieme il mondo delle aziende private e quello pubblico con l’obiettivo comune dell’inclusione femminile ai più alti livelli. E a presiederlo c’è Paola Mascaro, da anni alla guida di Valore D, la prima associazione di imprese italiane che promuove l’equilibrio di genere.

Lanciato in occasione del vertice G20 del 2019 in Giappone e istituito durante la presidenza saudita, il G20 Empower oggi conta in tutto 28 membri, tra cui i Paesi del G20, i Paesi ospiti e l’Unione europea. «La sfida del tavolo», dice Paola Mascaro, «sarà trovare un punto di incontro e una sintesi tra Paesi molto lontani tra loro, ma senza svilire l’impatto del nostro lavoro. Lo scopo finale è creare un Osservatorio che permetta di misurare poi il raggiungimento degli obiettivi che ci porremo».

 

Leggi l’articolo completo

ENG